martedì 20 marzo 2018

Marmorizzazione su uova vere: tecnica e bricolage

Con la Pasqua alle porte vi parlo di uova marmorizzate con una tecnica semplice quanto efficace e d'effetto. Ho comprato uova giganti, non mi sono accontentata delle semplici uova grandi. Prima della marmorizzazione ho svuotato ogni uovo e l'ho fermato su un legno per spiedini. Con i tuorli e le chiare che ho attentamente recuperato, ho cucinato ciambelle e torte della tradizione.
Ho preparato diverse uova per colorare la tavola del giorno di Pasqua. Vediamo passo passo cosa bisogna fare per ottenere il mio stesso risultato!

1) Le uova fissate sullo spiedino con pochissimo nastro adesivo di carta, vanno dipinte con una mano di bianco acrilico e messe ad asciugare perfettamente.

2) La marmorizzazione avviene attraverso l'uso dei colori ad olio per artisti immersi goccia a goccia su un largo contenitore pieno di acqua fredda.

3) Diluire ogni tinta in una piccola tavolozza e poi con un contagocce o con lo stesso pennello, gettare qualche goccia in modo casuale all'interno del contenitore pieno d'acqua. Si formeranno automaticamente disegni astratti incredibili e se volete, potete ancora intervenire direzionando le chiazze di colore attraverso l'uso di uno stuzzicadenti o altro.

4) A questo punto prendere uno spiedino e lasciarlo scivolare sull'acqua senza immergerlo, solo quel tanto che basta all'uovo per toccare il colore.

5) Immediatamente vedrete come il colore e i disegni astratti si attaccheranno all'uovo.

6) Non occorre ripassare più di una volta, basta ruotare l'uovo delicatamente fino a quando il colore bianco dello sfondo sarà sparito sotto ai nuovi disegni astratti della marmorizzazione.

7) Infilzate le uova dipinte e gocciolanti su un pezzo di polistirolo dove rimarranno fino a completa asciugatura che avverrà in 24/48 ore o poco più.

8) Togliete delicatamente ogni uovo dallo spiedino. Questa parte è pericolosa perché l'uovo potrebbe rompersi, fate attenzione!

9) Preparate delle decorazioni con nastri e filo da ricamo per coprire i fori di ogni uovo con un tocco di creatività e fantasia.

10) Le uova sono leggerissime, usate della semplice colla per fissare basamenti e nastri.

Disponete le uova in un cestino o tra i fiori di primavera come centrotavola, ma anche come segnaposto. Questo è tutto...
Dimenticavo di dirvi che questa è una attività prediletta dai bambini, ma ricordatevi di tenerli alla larga dai colori ad olio e di predisporre grembiuli e carta da giornale per salvaguardare vestiti e casa!
Ho dipinto di blu un contenitore di cartone per uova in modo da avere sempre in ordine le mie creazioni, prima di donarle o per esporle e far scegliere la preferita.
Alla fine di questo fantastico bricolage, ecco 3 esempi di uova marmorizzate e dipinte a mano. L'uovo con il cappio giallo ha venature orizzontali molto variegate e definite. Per questo uovo ho creato un piccolo basamento all'uncinetto, così l'uovo può essere appeso o rimanere perfettamente in equilibrio, lasciando tutti a bocca aperta!
Un bellissimo uovo marmorizzato nei toni del celeste e bianco con qualche venatura rossa.
Per finire questa sfilata di uova da regalare ad ogni invitato al pranzo di Pasqua, ecco un uovo marmorizzato e poi dipinto con un fitto intreccio di rose bianche.
Le rose sono dipinte con colori acrilici che asciugano in breve tempo e non hanno bisogno di nessun fissativo. Il basamento l'ho fatto con del sottile filo di cotone bianco e un uncinetto N. 1,50. Dopo aver completato i petali del basamento, ho tinto questo oggetto in rosa pallido con la stessa tecnica collaudata per la tintura dei miei arazzi ricamati e dipinti a mano.
Ora non mi rimane che augurarvi buon divertimento e Buona Pasqua 2018.

domenica 11 marzo 2018

Pennarelli indelebili su tessuto naturale: tema nozze

Stoffa dipinta con pennarelli indelebili Shirt Marker Kutsuwa per festeggiare il giorno del matrimonio con un arazzo personalizzato e unico nel suo genere. L'uso di un tessuto naturale come il lino riccamente ricamato a mano, rende l'intervento pittorico prezioso e originale. La stoffa diventa un quadro a tema Nozze da incorniciare e appendere in casa per ricordare il giorno più importante nella storia della coppia.

Arazzo dipinto per Aida e Pietro: tema Nozze





Nella composizione artistica spiccano i nomi di battesimo degli sposi: Aida e Pietro caratterizzati dalla presenza di figure stilizzate dal vago sapore fiabesco. Lo spazio decorativo dal lieve color rosa antico è arricchito da frasi ben auguranti come la dedica degli amici e scritte come la data del matrimonio.

Dettaglio ingrandito dei nomi degli sposi con le figure stilizzate



Nel dettaglio della composizione si può notare lo stile del disegno figurativo e quello delle scritte principali eseguite con sfumature di una stessa tinta. Le farfalle e il piccolo fiore rosso che decora la congiunzione "e" tra i nomi di battesimo, sono un esempio della forza dell'inchiostro dei pennarelli indelebili per la stoffa della marca Kutsuwa. Un inchiostro capace di sostenere linee nette, ma anche delicate sfumature grazie alla punta in feltro morbido che mantiene a lungo le sue proprietà distintive. Uno strumento eccezionale per gli artisti di cui ho parlato diffusamente mostrando anche altri esempi.

Video dell'arazzoa tema Nozze eseguito con pennarelli indelebili marca KUTSUWA


Nel video potete vedere ogni dettaglio della pittura dell'arazzo su tessuto naturale eseguita esclusivamente con i pennarelli indelebili Shirt Marker Kutsuwa, una ditta giapponese che negli ultimi tempi non sembra più in commercio con questa sigla e queste caratteristiche (purtroppo).
Prendete ispirazione dal mio arazzo dedicato al matrimonio per creare infiniti arazzi personalizzati con i nomi di battesimo, le frasi e le decorazioni preferite.

giovedì 22 giugno 2017

Grembiule dipinto a mano su tessuto sintetico

Per tutti gli appassionati della pittura con pennarelli indelebili adatti alla stoffa, oggi vi racconto la storia di un intervento pittorico che si è rivelato fondamentale per la mia carriera artistica. Il destino ha voluto che fosse un piccolo grembiule bianco a farmi scoprire le infinite possibilità dei pennarelli indelebili Textil Marker Contè, strumenti incredibili, capaci di simulare la stampa anche su stoffe non naturali.
Ho accennato diverse volte al mio primo approccio con i pennarelli a solvente Textil Marker, ora è giunto il momento di togliere il grembiule dalla valigia dei ricordi e farvi vedere esattamente cosa appare a distanza di molti anni da quell'intervento pittorico. 
Ma partiamo dall'inizio.....

Quadro coniglietti dipinti a mano su tessuto sintetico


Nel 1990 non riuscivo a trovare un grembiule adatto alla corporatura minuta di mia figlia: su ogni modello in vendita sembrava caderci dentro, così mi sono decisa a cucirlo io stessa. ho acquistato il tessuto di terital, una fibra tessile sintetica molto pratica per la resistenza ai lavaggi e la compattezza della trama.

Grembiule in terital dipinto a mano con pennarelli indelebili

Completato il lavoro di cucito su un modello inventato da me con l'intento di esaltare la figura esile della mia primogenita, l'idea di decorare il grembiule con la pittura appariva quasi un azzardo; l'alternativa era il ricamo a mano, ma sarebbe stato un lavoro troppo lungo e volevo essere pronta per l'inizio dell'anno scolastico. 
Avevo questa confezione di pennarelli Contè mai usati, acquistati per curiosità in una tipografia di paese. Ogni volta che aprivo un pennarello mi spaventavo della forma enorme della punta di feltro e dell'odore forte e pungente dell'inchiostro a solvente. Non pensavo di poterci realizzare niente di buono... rispetto almeno alle esperienze fatte con i favolosi SetaSkrib Pebeo
Mi sono buttata in questa impresa solo dopo aver fatto la prova con i SetaSkrib e aver visto che al primo lavaggio del terital il segno scompariva tristemente! Sul tessuto sintetico ci voleva qualcosa di diverso, di più potente, così ho deciso di fare qualche prova con i Textil Contè e lavato il tessuto, ecco un risultato indelebile anche in acqua calda! 
Dunque sapevo che non avrei potuto sbagliare, ero consapevole di mettere a rischio tutto il lavoro di cucito appena terminato con successo! Il corpetto definito da un colletto arricciato era completato dal tessuto svasato a ruota. Una singola tasca laterale era utile e sfiziosa come desideravo.

Pennarelli indelebili a solvente su tessuto sintetico

All'epoca sfogliavo regolarmente diverse riviste di ricamo come Rakam e Mani di fata; avevo visto 2 coniglietti con le carote (ricamati a punto croce) e sembravano davvero simpatici.Non potevo ricalcare lo schema a crocette che comunque era di dimensioni non adeguate allo spazio da dipingere, non potevo vedere una traccia in trasparenza (il tessuto in terital non è affatto trasparente).
"Ok, mi sono detta, ho disegnato una tigre a mano libera...che saranno mai 2 coniglietti?"
Ho agito a occhio, iniziando dai musetti dei protagonisti. Se non fossero risultati abbastanza simpatici, avrei rimediato coprendo tutto con dei grossi fiori.
Prevedo sempre una idea di riserva, con la pittura a mano libera non si sa mai cosa può accadere.

Ho dipinto con mano leggerissima sul grembiule infilato in un cuscino e ben teso con diversi spilli. L'inchiostro sembrava posizionarsi sul tessuto come per magia, senza una sbavatura!
Ho provato tutte le tinte a disposizione, anche se avrei dovuto evitare completamente il nero (troppo troppo potente!).
Che meraviglia le 2 tonalità di verde ed entrambe le varianti di azzurro! Ruotando la punta di feltro, sono riuscita a rendere l'erba del prato e i ciuffi delle carote.
Spettacolare il rosa fucsia in combinazione con il viola. Picchiettando con la parte larga della punta, ho dipinto il tessuto della tutina della coniglietta. Con il taglio sottile del fucsia ho disegnato le ali della farfalla.
Utilissimo il marrone per le linee sottili, anche se sarebbe bastato poco per trasformare i delicati dettagli in orrende macchie.
Con il giallo chiaro ho abbozzato le figure e con il giallo scuro ho rafforzato le sfumature delle carote.
C'è pochissimo arancione in tutta la composizione, eppure è l'arancione il colore Textil Marker Contè che mi ha dato maggiori soddisfazioni negli anni successivi in cui mi sono dedicata alla pittura su tessuto.

Dettaglio pittura a mano libera con pennarelli marca Contè

L'odore dell'inchiostro è sparito completamente solo dopo pochi lavaggi in acqua calda. Invece il colore è rimasto al suo posto anche dopo l'uso intensivo degli anni di scuola materna. Sono stata molto sorpresa dalla riuscita di questi colori e dai complimenti ricevuti da chiunque abbia avuto occasione di vedere la decorazione.

"E' grazie a questo esperimento che ho iniziato il mio progetto di pittura su tessuto con motivi originali ed esclusivi." 
Con la bimba impegnata a scuola, ho aperto al pubblico il mio laboratorio artistico, dove dipingevo su richiesta e proponevo soggetti di mia creazione, come tutti gli arazzi per la nascita e gli alberi genealogici dipinti rigorosamente a mano su tessuto.

La valigia dei ricordi di una mamma creativa contiene pezzi di storia emozionanti dal punto di vista sentimentale, ma anche esperienza, tecnica e ispirazione artistica di una vita. Spero che la storia del grembiule vi sia piaciuta e possa esservi utile in qualche modo. Buon lavoro a tutti.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...